Apple multata dall’Antitrust per pubblicità ingannevole, pagherà 10 milioni

Apple multata dall’Antitrust a causa della pubblicità ingannevole, ora la società dovrà pagare una pesante sanzione da 10 milioni di euro.

Apple è un’azienda leader nel settore della tecnologia e della comunicazione. Parliamo infatti di un vero e proprio colosso, che da anni ormai resiste sul mercato mondiale, fornendo dei prodotti che i consumatori apprezzano, e certamente non a prezzo di saldo. Una delle specialità assolute dell’azienda nata dalla mente geniale del compianto Steve Jobs è senza dubbio la pubblicità, con un reparto marketing e comunicazione di primissimo livello in tutto il mondo. Infatti l’azienda con la mela sul retro ha creato una vera e propria narrazione dietro la sua figura, spingendo le persone a partecipare a questa narrazione. Tuttavia qualcosa è andato storto in Italia dato che, come riporta la sentenza dell’Antitrust, l’azienda di origini americane, ci sono state dei problemi nella comunicazione.

POTREBBE ANCHE INTERESSARTI >>> Apple Watch Serie 7, design completamente rivisto: le possibili novità

Apple multata dall’Antitrust per pubblicità ingannevole, pagherà 10 milioni

Secondo l’ultima sentenza dell’Antitrust, infatti, Apple Italia ha sbagliato nella pubblicità di molti dei suoi prodotti. In particolare avrebbe sponsorizzato diversi prodotti come resistenti all’acqua, pur non volendo rilasciare certificazioni e non fornendo assistenza in caso di danni da liquidi. I prodotti presi in considerazione sono i seguenti: iPhone 8, iPhone 8 Plus, iPhone XR, iPhone XS, iPhone XS Max, iPhone 11, iPhone 11 pro e iPhone 11 pro Max. Apple Italia è ora stata condannata a pagare 10 milioni per pubblicità ingannevole e mancata assistenza. Pertanto se avete uno di questi dispositivi vi sconsigliamo caldamente di sottovalutare il pericolo dei liquidi e di pensare che avete tra le mani uno smartphone che può sopravvivere ad un’immersione rapida.

POTREBBE ANCHE INTERESSARTI >>> iPhone 12 Pro MAX, confronto batteria: è il peggiore – VIDEO