Apple, LeBron James “spoleira” i nuovi Beats Studio Buds?

Auricolari wireless con il marchio Beats, all’ultimo grido. Un lavoro che Apple stava ultimando già da un po’, con tanto di approvazione della FCC ma senza ancora l’annuncio del prodotto. Eppure, a quanto pare, c’è chi già ce li ha. Non uno qualsiasi, The King.

Lebron James spoilera i nuovi Beats Buds (Adobe Stock)
Lebron James spoilera i nuovi Beats Buds (Adobe Stock)

LeBron James ha condiviso alcune foto sul suo profilo Instagram. Di primo acchito, dei post normali. Ma quel paio di auricolari non è passato inosservato, sembrano proprio i nuovi Beats Studio Buds.

Apple, LeBron James è un grande promotore di Beats. Prima ancora del colosso di Cupertino

Apple, uno store (Adobe Stock)
Apple, uno store (Adobe Stock)

Dalle foto scattate dalla stella dei Los Angeles Lakers, difficile vedere gli auricolari in dettaglio, ma sembrano avere il marchio Beats. Come mostrato dalle prime immagini rivelate da 9to5Mac i Beats Studio Buds avevano manifestato un modello nero, i file di sistema indicano anche che ci sarà una versione rossa e, soprattutto bianca. Che assomiglia a quella che indossa LeBron James. Spoiler o non spoiler? A breve si scoprirà.

LEGGI ANCHE >>> USB-C per ricaricare i notebook, (forse) ci siamo: l’ultima novità

Le cuffie Beats sono estremamente apprezzate da giocatori e artisti, quindi non sorprenderebbe che il Colosso di Cupertino avesse spedito alcune unità ai” vip sportivi” prima del lancio ufficiale.

LEGGI ANCHE >>> Pixel 6 e Galaxy S21, un dettaglio legherà i due smartphone top di gamma

Secondo indiscrezioni sempre di 9to5Mac, i Beats Studio Buds avranno una custodia di ricarica intelligente proprio come gli AirPods, oltre a funzionalità come “Hey Siri“, associazione automatica con dispositivi Apple e cancellazione del rumore.

Altri indiscrezioni riguardano la forma (molto differenti dagli altri AirPods), non dovrebbero avere steli, bensì wireless. E ancora: nessun rivestimento per le orecchie come con le Powerbeats Pro o un cavo come le Powerbeats. Un design nuovo, dunque, all’orizzonte per Apple, più simile – si dice – a quello adottato da concorrenti come Samsung e Google. Il case potrebbe avere una forma ovale (tipo quello che all’orecchio il gigante dei giganti del basket), abbastanza grande rispetto agli auricolari stessi, dovrebbe integrare un piccolo LED per controllare lo stato di ricarica e, probabilmente, anche una capiente batteria. Non è visibile il connettore posto sulla parte inferiore che, presumibilmente, i bene informati dicono sia un Lightning.

Gli auricolari in-ear a marchio Beats sono stati individuati per la prima volta nelle beta di tvOS 14.6 e iOS 14.6 e successivamente hanno ottenuto la certificazione FCC. Apple deve ancora annunciare la data di uscita ufficiale dei nuovi Beats Studio Buds, per molti. Ma non per tutti, direbbe LeBron James.

Non sarebbe la prima volta per LBJ (uno dei suoi soprannomi insieme a The King, o The Chosen One), un sostenitore e grande promotore di Beats da molto tempo prima che Apple acquistasse la sua entrata: nel 2008, uno dei cestiti più forti di tutti i tempi acquistò cuffie Beats da 350 dollari per l’intera squadra del Dream Team che partecipò alle Olimpiadi del 2008, a Pechino.

Indirettamente fu una grande operazione di marketing. Chissà che stavolta quelle foto postate su Instagram non siano il prologo all’imminente uscita dei Beats Studio Buds.