Apple e Google, a quanto pare il 6G non è proprio così lontano

Apple e Google 6G
Apple e Google 6G (screenshot YouTube)

Il 5G non basta più ed inizia già la corsa che ha come obiettivo il 6G. Apple e Google sono tra i primi a puntare al traguardo

la frontiera della tecnologia è pronta già ad ospitare la connessione 6G e, ovviamente, anche la contrapposizione tra occidente ed oriente. Nonostante la Cina stia gettando le basi per cercare di accaparrarsi il mercato, l’America non resta immobile ed è pronta con la sua controffensiva. Tra i nomi noti del settore troviamo Apple, Google, Next G Alliance e altre 9 compagnie.

Ma non è tutto qui, marchi importanti del comparto tecnologico prendono parte a questo gruppo. Si tratta di LG, Microsoft, Facebook, Qualcomm, Nokia, Samsung, Electronics e tanti altri ancora che si stanno unendo per mettere a punto delle strategie per aggiudicarsi il mercato del 6G.

POTREBBE ANCHE INTERESSARTI >>> Apple, AirTag non prevede l’utilizzo per determinati scopi

Apple e Google, il futuro del 6G è qui

Apple e Google 6G
Apple e Google 6G (screenshot YouTube)

Lo scopo della manovra del gruppo formato dai colossi tecnologici è quello di dominare il mercato con la presenza dell’America nella connessione mobile. L’obiettivo futuro è fissato da qui a 10 anni, tramite punti di sviluppo all’avanguardia. Ma oltre al 6G si lavora anche per potenziare e rendere sempre più performante l’attuale 5G, che nel prossimo decennio caratterizza tutte le infrastrutture ed il settore delle telecomunicazioni.

Questo è abbastanza ovvio in quanto per arrivare al punto B si deve necessariamente conquistare appieno il punto A. Ecco quindi che il cardine di tutta questa manovra è proprio l’ultima tipologia di connessione adottata quest’anno con il 5G. L’unico fattore che lascia perplessi è lo scontro diretto e perpetuo tra Stati Uniti e Cina, basato su conflitti e non collaborazioni.

In definitiva, le strategie delle due potenze si scindono in due direzioni ben definite. Mentre l’America vuole la supremazia del mercato, la Cina possiede attività già avviate. Una guerra fredda che vede spostare l’interesse su più fronti differenti in cui più realtà commerciali sono interessate a sviluppare le loro tecnologie e progetti.

POTREBBE ANCHE INTERESSARTI >>> Google: fleeceware sul Play Store crea non pochi problemi