Apple denunciata, l’accusa è pesante | Un periodo grigio per l’azienda

Stando a quanto riferisce Bloomberg, ci sono ancora problemi per Apple Pay ed Apple Store. Negli USA è scattata una pesante denuncia per un monopolio da 1 miliardo di dollari

Non il migliore dei periodi per Apple dal punto di vista storico. Tra la diatriba con Epic Games e le problematiche varie con Apple Pay, c’è da capire se le politiche dell’azienda di Cupertino sono corrette o andranno modificate in maniera importante. Salvo violazione di regole che sono già state prestabilite.

apple pay 20220721 cellulari.it
Negli USA è stata avviata una maxi class action ai danni di Apple e più nello specifico di Apple Pay (Adobe Stock)

Stando a quanto riferisce Bloomberg, negli Stati Uniti i due studi legali Hagens Berman e Sperling & Slater hanno deciso di avanzare una class action per via ufficiale. Pare che l’OEM di Cupertino stia guadagnando al momento almeno 1 miliardo di dollari all’anno. Come? Con l’adozione di pratiche che sono dannose per la concorrenza.

Apple Pay, ecco cosa rischia l’azienda dopo la class action

apple pay 20220721 cellulari.it
Pare che l’OEM di Cupertino riesca a portarsi a casa un miliardo di dollari all’anno tramite monopolio (Adobe Stock)

Entrando più nello specifico, Apple è stata accusata di aver impedito alle concorrenti l’accesso alla tecnologia NFC che si trova integrata negli iPhone. C’è infatti un’unica soluzione possibile: utilizzare Apple Pay. Ad oggi, le politiche prevedono una commissione dello 0,15% per le carte di credito e mezzo centesimo per quelle di debito. Ed ecco perché è stata avviata la class action, con l’obiettivo di smascherare una sorta di monopolio che sta applicando l’OEM di Cupertino.

A differenza di Android, dove ci sono più wallet disponibili oltre a Google Pay. Basti pensare a Samsung Pay, ugualmente funzionale tramite tecnologia NFC. Secondo quanto si legge, Apple si difende dicendo che non riuscirebbe a conservare le proprie commissioni se aprisse iPhone ad altri portafogli. Questo comportamento violerebbe però lo Sherman Act. La class action fa parte di un quadro più ampio di tensioni e di discussioni varie per come l’azienda sta operando. Nei prossimi anni sicuramente si arriverà ad una soluzione su tutti i fronti. Staremo a vedere cosa succederà e se si riuscirà a giungere ad una fine.