Apple, problemi in vista: dall’UE la proposta di legge per caricabatterie universale

La proposta sul caricabatterie universale per tutti dell’UE potrebbe presto diventare legge: addio alla ricarica Lightning per i prodotti Apple?

Apple ricarica standard
(Unsplash)

Un grande cambiamento coinvolgerà presto l’intero mondo mobile: l’Unione Europea imporrà presto a tutti produttori di dispositivi elettronici un input universale per i caricabatterie. La notizia sulla proposta è ufficiale, e dovrebbe essere trasformata in legge già entro la fine del mese prossimo. Alcuni passi in questa direzione, con l’intento di ridurre la quantità di rifiuti elettronici, sono stati già fatti una decina di anni fa ai produttori volontariamente di adottare uno standard comune, che però non ha portato risultati attesi. Da qui la necessità di una legislazione più rigida.

LEGGI ANCHE >>> Galaxy S22 tra Olympus e AMD: le certezze del prossimo top di gamma Samsung

Apple: la legge sul caricabatterie universale “danneggia i consumatori”

Ricarica lightning
Il cavo per la ricarica Lightning, lo standard di Apple (Unsplash)

Il nuovo connettore unico potrebbe essere il Type-C, già in uso da parte di molti produttori di smartphone e tablet. Un nuovo standard obbligatorio colpirebbe soprattutto Apple, che usa sui propri dispositivi il connettore Lightning. Fin adesso la casa di Cupertino ha mostrato disinteresse, se non disappunto ed avversione, per gli intenti del Parlamento Europeo, commentando che l’imposizione della conformità “soffocherebbe l’innovazione e danneggerebbe i consumatori in Europa”.  In alcuni casi, come per iPad Pro, è già stato implementato sporadicamente l’uso dell’USB-C, una scelta che potrebbe presto essere estesa agli altri dispositivi. Apple non è l’unica casa di produzione con un connettore di ricarica proprietario: basta pensare alla Warp Charge di OnePlus oppure alla Turbo Charge di Motorola.

LEGGI ANCHE >>> TIM, sotto l’ombrellone tre fantastiche offerte per i nuovi utenti

Le nuove misure dell’Unione Europea permetterebbero di risparmiare decine di migliaia di tonnellate di rifiuti elettronici all’anno, ma il processo di adeguamento potrebbe richiedere molto tempo. Nel frattempo, l’adozione dei caricatori wireless, senza necessità di porte, potrebbe rappresentare un valido aiuto.