Android Auto: l’addio è definitivo, non potremmo più vederlo

I cambiamenti che apporta Google ai propri servizi non sono casuali come si potrebbe pensare, bensì programmati. Questo, in vista del fatto che abbia modificato un’importante elemento del suo servizio automobilistico, spiegherebbe come mai abbia preso una decisione essenziale.

Parliamo di una rimozione forse totale, e a cui dovremo metterci una pietra sopra dato che non potremo impedire che non accada. Lo diciamo perché la casa di Mountain View ha voluto intaccare Android Auto per tentare di rinnovarlo ancora di più, tuttavia la domanda sorge spontanea in tal caso: cosa ha combinato la società?

Android auto (Foto Canva)
Android auto (Foto Canva)

Fine dell’anno, nuovi arrivi da parte di Google. È quello che ha pensato di fare recentemente, non a caso abbiamo assistito ad un rinnovamento generale di tutti i suoi servizi.

E con il passare del tempo sarà sempre così, perché la casa di Mountain View non pensa altro che a questo dopotutto. Chi siamo noi per giudicarla in fin dei conti? Però pensiamo che ci sia un limite a tutto.

Android Auto cambia, ma non sarà per sempre

Lo diciamo in vista del fatto che abbia voluto modificare una delle sue applicazioni più usate in assoluto. Forse anche la più rispettata dato che sia ben ottimizzata, e gli update lo dimostrano.

Sì, esatto: è Android Auto l’argomento principale della nostra attesi, che adesso non farà più uso di uno strumento molto importante. A cosa rinuncerà per sempre, o almeno fino ad un prossimo update?

Android Auto: l'addio è definitivo, non potremmo più vederlo
Questa nuova idea di Google ci avrà convinto? È tutto da scoprire ancora – Cellulari.it

Le novità che riguardano il servizio automobilistico di Google indicano che le informazioni meteo e l’indicazione della temperatura attuale, per il momento, saranno rimosse dalla barra di stato di Android Auto.

Non è stata una scelta casuale: Google ha informato la sua utenza affermando di averla sistemata, ma che, ora come ora, sarebbe stata meglio rimuoverla onde evitare di mostrarla incompleta.

Per cui, come abbiamo potuto capire, non potremo più usarla fino a quando la “sostituta” dello strumento non sarà disponibile al lancio definitivo. Che ci voglia tanto tempo per il suo debutto? Può darsi.

Dipende da cosa abbia in mente di aggiungere Google, difatti è una questione correlata alle migliorie che vorrebbe apportare all’app. Una cosa la sappiamo però: ci piacerà senz’altro più di prima.