Al GTC-GPU di San Jose tutti ad aspettare l'annuncio di Elon Musk

Alla manifestazione tecnologica MusK ha annunciato una grande novità in arrivo con una capacità comunicativa che ha coinvolto tutti i presenti.L'annuncio ufficiale verrà dato, forse oggi.

Elon Musk è un imprenditore sudafricano naturalizzato statunitense, conosciuto per aver fondato la Space Exploration Technologies Corporation (SpaceX), la prima compagnia privata che il 22 maggio 2012, nell’ambito del programma Commercial Orbital Transportation Services della NASA, ha effettuato con successo il lancio di una capsula Dragon su vettore Falcon 9,  è riuscita ad attraccare la Stazione Spaziale Internazionale. Infatti la sua compagnia costruisce lanciatori spaziali a razzo e veicoli spaziali per il trasporto orbitale di persone e merci.

Musk, inoltre, a causa del suo enorme interesse per i veicoli elettrici ha deciso di dare vita alla Tesla Motors, ed ha costruito la Tesla Roadster, che è la prima vettura sportiva elettrica dell’epoca moderna.

Ma non è finita qui, perché l’imprenditore contribuisce alla lotta contro il riscaldamento globale come principale investitore, CEO e presidente del consiglio di amministrazione di SolarCity, una compagnia che produce prodotti e servizi legati al fotovoltaico.

Inoltre, nell’anno 2000 ha co-fondato PayPal, il sistema di pagamento via internet più grande al mondo e un’altra compagnia di cui Musk è uno dei principali investitori è la Halcyon Molecular, una azienda di biotecnologie, il cui scopo è quello di trovare la cura per molte malattie e di estendere la durata della vita e la sua qualità rendendo semplice, veloce ed economico  il sequenziamento completo del DNA.

L’Hyperloop, invece, è un sistema di trasporto ad alta velocità ideato da Elon Musk nel 2013 e che dovrebbe rappresentare in futuro, secondo le sue teorie, un’ulteriore modalità di trasporto oltre a quella delle barche, degli aerei, delle automobili e dei treni. Un Hyperloop sarebbe un tubo sopraelevato a bassa pressione, contenente capsule pressurizzate guidate all’interno del tubo da un certo numero di motori elettrici lineari. Nel 2013  Musk ed il team di ingegneri di Tesla Motors e SpaceX hanno pubblicato il progetto “Alpha”, secondo il quale un Hyperloop consentirebbe un viaggio da Los Angeles alla San Francisco Bay Area in 35 minuti, il che significa che i passeggeri percorrerebbero 570 km ad una velocità media di circa 962 km/h. Il progetto costerebbe 6 miliardi di dollari, mentre una versione che permette il trasporto di passeggeri e auto costerebbe 7,5 miliardi di dollari e Musk ha dichiarato che questo mezzo di trasporto potrebbe rivoluzionare i viaggi. 

Musk ha ricevuto molti premi e riconoscimenti; nel 2008 ha vinto il prestigioso Werner Von Braun Award della National Space Society; nel 2010 è stato riconosciuto dal quotidiano TIME come uno dei 100 personaggi che più hanno influenzato il mondo; sempre nel 2010 è stato riconosciuto “Living Legend in Aviation” dalla Kitty Hawk Foundation per aver creato il Falcon 9 e la capsula Dragon.  Nel febbraio 2011 la rivista di economia e finanza Forbes lo ha nominato tra uno degli “Amministratori delegati più potenti d’America con meno di 40 anni e ancora nel 2011 ha ricevuto la nomina di Legendary Leader al Churchill Club Awards. L’American Institute of Aeronautics and Astronautics gli ha conferito il premio “George M. Low Space Transportation Award”, mentre la rivista Esquire lo ha nominato come una delle 75 persone più influenti del XXI sec.

Insomma, un personaggio di tale fama, successo e spessore, che non poteva certo mancare alla GTC-GPU Tecnology Conference di San Jose in California, ha reso il keynote d’apertura un evento quasi mistico.

Alla manifestazione tecnologica, che si sta tenendo dal 17 al 20 marzo,  Huang, il Ceo di Nvidia Jen-Hsun, stava presentando per la prima volta l’installazione in un’automobile del sistema Drive Px e svelandone i segreti. Le tecnologie di Deep Learning e i nuovi sistemi informatici presentati da NVIDIA al GTC sono rivolti all’automotive e precisamente alle nuove tecnologie del futuro di self-driving, che permetteranno alle auto di condurre i passeggeri in tutta sicurezza.

Durante il Key-note di apertura Huang ha discusso questi temi con Elon Musk, che ha affermato: “Abbiamo bisogno di intelligenze artificiali più forti a 360 gradi e questo ci consentirà di migliorare anche il self-driving nello specifico, ma serviranno almeno 20 anni perché il self-driving diventi effettivamente affidabile e prenda il posto delle tecnologie per auto attuali”.

Musk inoltre ha annunciato una grande novità in arrivo ed ha parlato di “automotive a 360 gradi” con un entusiasmo e capacità comunicativa che ha coinvolto tutti i presenti, dagli analisti ai giornalisti, l’annuncio verrà dato solo oggi 19 marzo. Il Presidente di Tesla, accennando al self-driving, ha detto: «Credo che gli esseri umani alla guida di un’automobile in futuro saranno illegali. Anzi, diciamo che gli uomini alla guida hanno i giorni contati. E’ molto pericoloso pensare di avere un essere umano alla guida di un’automobile di due tonnellate. I computer faranno sicuramente un miglior lavoro rispetto a chiunque di noi si trovi alla guida”.

Musk ha fatto capire che per le lunghe percorrenze, magari in autostrada, un’auto guidata da un robot potrebbe essere già realtà, mentre attualmente il self driving in un centro abitato e alla velocità da 15 a 50 miglia orarie, magari  dove c’è un tombino aperto, o bambini che giocano, oppure anziani che attraversano la strada, ha un grosso limite rappresentato proprio dal fatto di essere un robot, perché un robot non ha la stessa sensibilità , o “rimorso” per dirla come Musk, dell’essere umano. L’imprenditore afferma che “questo limite è il punto più duro sul quale ci stiamo concentrando”.

Rispondendo alla domanda di Huang che parlava di hackeraggio di questo tipo di sistemi, Musk ha spiegato che “siccome questi sistemi effettivamente possono essere hackerati, il volante e l’impianto frenante di un’automobile devono essere garantiti da un sistema separato di controllo che permette all’uomo di assumere il controllo in caso di necessità».

Il Ceo di Tesla ha individuato in Google e Apple come potenziali concorrenti, perché sono due società attualmente molto attente all’automotive e che per ora solo Audi e Bmw stanno investendo nel settore.

Musk ha affermato: “Renderemo le automobili autonome molto presto. E sarà molto più semplice di come lo immaginate. Non appena il processo elettronico/meccanico sarà completo serviranno un paio d’anni affinché i legislatori diano il via libera. Ma poi sarà tutto diverso, e salveremo molte vite umane”. 

Anche se a distanza di poche ore Elon Musk ritratta parzialmente le sue affermazioni profetiche spiegando che, in fondo, il piacere della guida deve rimanere tale, tant’è che si producono auto proprio per questo, la realtà è che il divieto di produrre auto in grado di essere guidate sarà praticamente un modo indiretto per togliere il potere e la guida all’uomo, rendendolo semplice spettatore dei tragitti compiuti.

Il self-driving è il futuro dell’umanità e lo scopo di Elon Musk è quello di avere un ruolo nella mobilità di domani ed è disposto a rinunciare alla mobilità di oggi, a favore di una maggiore sicurezza sulle strade e di veicoli tecnologicamente più avanzati.