TIM e Kena Mobile chiudono col 3G: ecco le date dello switch off

Una notizia ormai confermata da tempo, con i lavori pronti a prendere il via. TIM e Kena Mobile sono pronte a dire addio al 3G, ecco cosa c’è da sapere

Se ne parla ormai da diverse settimane, con il primo annuncio che è arrivato ad inizio anno e i lavori che sarebbero dovuti iniziare lo scorso aprile. TIM e Kena Mobile sono pronte per lo switch off del 3G, con le antenne che smetteranno di funzionare e il segnale che verrà “dirottato” sul 4G e sul 5G.

tim 3g 20220611 cellulari.it
Spunta la roadmap ufficiale relativa allo spegnimento delle antenne 3G da parte di TIM e Kena Mobile (Pixabay)

L’obiettivo è quello di potenziare il servizio messo a disposizione degli utenti, dicendo addio ad una connessione di rete ormai obsoleta e poco utilizzata. L’intervento di AGCOM a maggio ha costretto ad uno slittamento, con la decisione di far iniziare il processo entro luglio. Nelle scorse ore, è stato rilasciato il calendario ufficiale, sia da TIM che da Kena Mobile.

TIM e Kena Mobile, questo il calendario per lo spegnimento del 3G

tim 3g 20220611 cellulari.it
Si parte a luglio, con i lavori che dovrebbero terminare entro il 15 ottobre. A seconda della zona d’Italia in cui ci si trova (Adobe Stock)

Sia TIM che Kena Mobile hanno aggiornato nelle scorse ore le sezioni dedicate allo switch off del 3G, inserendo informazioni più specifiche in merito ai lavori. Stando a quanto si legge, le operazioni prenderanno il via già a partire dal prossimo 13 giugno. Ma non per tutti, perché si è deciso di dividere l’Italia in varie zone che vedranno completare il processo in periodi differenti. Fino ad arrivare alle settimane che vanno dall’1 al 15 ottobre.

Se volete controllare voi stessi, vi basta cliccare questo link  per la roadmap completa di TIM e questo link  per Kena Mobile. Chiaramente le tempistiche sono più o meno condivise, considerando che l’operatore virtuale si appoggia in pieno alla rete di TIM. Tutti coloro che hanno un telefono che supporta il 3G come standard massimo, dovrà accontentarsi del 2G al termine dei lavori. Oppure decidere di acquistare un nuovo device di ultima generazione, sia col 4G che (eventualmente) col 5G.