Spotify come Clubhouse? Si valuta l’integrazione di stanze audio nella sua app

Stando a quanto riferisce Bloomberg, Spotify sta valutando una serie di nuove funzionalità molto interessanti. A partire dalle stanze audio

La piattaforma di streaming musicale più utilizzata la mondo è Spotify. Grazie ad un abbonamento mensile (o annuale) disponibile in diversi tagli, c’è la possibilità di accedere ad un catalogo praticamente infinito di artisti e brani, di ogni genere ed età.

spotify 20220324 cellulari.it
Nei piani futuri di Spotify, c’è anche l’inserimento di una feature che strizza l’occhio a Clubhouse (Adobe Stock)

Uno dei punti di forza dell’azienda sono le diverse funzionalità messe a disposizione degli utenti che, negli ultimi anni, hanno stravolto il normale utilizzo della piattaforma. E sembra non essere finita qui, anzi. Stando a quanto riferisce Bloomberg, infatti, l’obiettivo è inserire altre possibilità. Come le stanze audio.

Spotify potrebbe inserire Greenroom nella sua app

spotify 20220324 cellulari.it
L’obiettivo è quello di far tornare in auge le potenzialità di Greenhouse, un’app indipendente di Spotify che non ha ottenuto il successo sperato (Unsplash)

Già da tempo, Spotify ha lanciato sul mercato Greenroom. Si tratta di un’app indipendente (e poco conosciuta) che ricorda molto Clubhouse. Ossia tante stanze audio virtuali alle quali poter accedere per discutere di determinati temi, solo con la voce. Secondo quanto spiegato da Bloomberg, pare che Spotify stessa stia pensando di integrare all’interno della propria app principale tutto questo, con benefici immediati per gli utenti.

Ci saranno alcuni accorgimenti. A partire dal nome della feature, che dovrebbe diventare Spotify Live. Ogni creator avrà la possibilità di dar vita ad una propria chat room esclusiva, con gli abbonati che la vedranno subito e dovranno cliccare “partecipa” per prendervi parte. Al momento si sa poco altro. Sempre secondo quanto rilevato da Bloomberg, l’update dovrebbe diventare realtà nel secondo trimestre del 2022.

Per chi non dovesse saperlo, Greenroom è nata ormai due anni fa. Un servizio che prometteva bene, ma che ha fatto molta fatica a decollare e a far parlare di sé. Molto probabilmente a causa degli interessi mutevoli degli utenti, che non a caso hanno abbandonato in poco tempo anche Clubhouse. L’obiettivo di Spotify è far tornare in auge la feature inserendola nella propria piattaforma per mobile.