Smartphone, futuro a 64 bit

ARM ha comunicato il lancio entro il 2014 dell’ultima generazione di processori Cortex A-53 in grado di moltiplicare le potenze di calcolo.

Il futuro del comparto mobile è a 64 bit. Prima ancora che Apple presentasse martedì il nuovo iPhone 5S con chip A7, ARM aveva già comunicato il lancio entro il 2014 dell’ultima generazione di processori Cortex A-53 in grado di moltiplicare le potenze di calcolo. Si tratta di particolari CPU con velocità addirittura doppie rispetto alle architetture attuali, che possono risultare nettamente più veloci anche durante l’esecuzione di applicazioni sviluppate per sistemi a 32 bit.

I Cortex A-53 saranno realizzati sfruttando la moderna tecnologia a 28 nm. Un innovativo processo di produzione che consentirà di ridurre le dimensioni dei componenti e di migliorarne allo stesso tempo le singole performance.

ARM ha inoltre annunciato l’uscita a breve di terminali Android equipaggiati con 4 GB di RAM; di fatto un altro plus consequenziale al nuovo standard. Che sia in arrivo anche una versione a 64 bit del robottino verde?