Microsoft ed il malware Adrozek: nel mirino Chrome, Edge e Firefox

Un problema che affligge un’infinità di PC in tutto il mondo. Si chiama Adrozek, il malware identificato da Microsoft che infetta i browser

È proprio da parte di Microsoft che arriva questo importante avvertimento. Si tratta della diffusione di un nuovo ceppo di malware che introduce nei browser pubblicità indesiderate di proposito.

Il nome di questo malware è Adrozek. Questo prende possesso ogni giorno di una gran quantità di PC. Attivo da maggio 2020, secondo il colosso di Redmond, è stato ad agosto che ha controllato un infinità di computer, a livello globale.

POTREBBE ANCHE INTERESSARTI >>> La bufala corre su WhatsApp, 120 euro al giorno per chi resta a casa

Microsoft segnala il malware Adrozek

Microsoft
Microsoft malware Adrozek (screenshot microsoft.com)

Inoltre vi è la certezza, data dal team di ricerca Microsoft 365 Defender, che oltre ad essere molto elevato il numero di pc colpiti questo malware si è diffuso principalmente in Europa e nell’area sud-est dell’Asia. Le segnalazioni sono state davvero in numero elevato. Sono molte le modifiche che questo malware va ad apportare sui PC, quali:

  • Disabilita la funzione Safe Broswing
  • Disabilita gli aggiornamenti del broswer
  • Disabilita controlli integrità dei file
  • Consente l’esecuzione anche in navigazione in incognito
  • Registra e attiva l’estensione aggiunta precedentemente
  • Esegue l’estensione senza ottenere autorizzazioni
  • Nasconde l’estensione nella barra dei strumenti
  • Modifica il motore di ricerca predefinito
  • Modifica la homepage predefinita

Questo malware è stato creato con uno scopo ben preciso. Esso infatti consente, ai suoi creatori, di trarre profitto dirigendo il traffico dati verso programmi di affiliazione e pubblicità. Attualmente il malware viene introdotto nei computer attraverso i classici schemi di download drive-by.

POTREBBE ANCHE INTERESSARTI >>> Estensioni più sicure su Google Chrome a partire dal 2021

Nello specifico accade che gli utenti vengono reindirizzati a domini per niente sicuri, per essere poi ingannati con l’istallazione del software dannoso. L’unica soluzione per risolvere il problema, nel caso in cui ci si renda conto di essere sotto attacco, è quella di reinstallare il browser.