HTC, azionisti insoddisfatti chiedono smartphone in regalo

‘Il valore delle azioni è calato in maniera eccessiva, regalateci degli smartphone?. Questa, in estrema sintesi, la richiesta degli azionisti di HTC.

Il valore delle azioni è calato in maniera eccessiva, regalateci degli smartphone”. Questa, in estrema sintesi, la richiesta degli azionisti di HTC. Che delusi dal crollo della quota di mercato globale della compagnia, al momento di poco superiore al 2%, non hanno nascosto il loro gradimento durante l’ultima riunione annuale per un piccolo riconoscimento alla tenacia.

Avete mancato l’occasione d’oro del mercato cinese emergente negli ultimi due anni, quando ancora Apple non andava bene. Ho scritto lettere consigliando di muoversi rapidamente, ma non ho ricevuto risposta“, si è lamentato un investitore. “Siamo qui perché siamo preoccupati dal prezzo delle azioni. Ieri, il Taiex (l’indice di borsa di Taiwan, ndr) è salito ai massimi in sei anni ma nonostante ciò il prezzo del pacchetto azionario è rimasto terribilmente basso. Ci sono speranze che possa recuperare?“, ha domandato speranzoso un altro.

Cher Wang, chairwoman di HTC, ha risposto così alle pioggia di critiche: “Stiamo affrontando non solo la concorrenza di Samsung e Apple ma anche quella di Huawei e Xiaomi. I nostri professionisti, però, non lasceranno la compagnia e sono tuttora impegnati nonostante il calo delle vendite”. Dichiarazioni piuttosto di facciata, che non hanno pienamente convinto la sala. Ci è voluta infatti una previsione molto ottimistica del ceo Peter Chou per tranquillizzare i presenti: “Sono convinto che cambiamenti visibili potranno esserci entro due o tre trimestri”.