È tra i pesci più rari al mondo ma ha appena battuto un record che potrebbe renderlo ‘comune’

Dopo anni di grande preoccupazione tra gli esperti, questo particolare esemplare è riuscito a raggiungere un traguardo inatteso.

In un angolo remoto della Death Valley, uno degli ambienti più inospitali del pianeta, una piccola creatura acquatica continua a sfidare le probabilità di sopravvivenza. Il contesto in cui vive è talmente estremo che pochi altri esseri viventi potrebbero resistere anche solo per un breve periodo. Queste difficili condizioni non hanno però impedito a questa specie non solo di sopravvivere, ma di iniziare a prosperare in modo sorprendente.

pesce raro segna un record
Il pesce diavolo di Devils Hole ha segnato un record di cui si erano ormai perse le speranze (Foto YouTube Insider Tech) Cellulari.it

La ricerca e il monitoraggio continuo di questa specie dimostrano l’importanza della perseveranza e della dedizione nel campo della conservazione ambientale. Gli scienziati stanno infatti assistendo a un evento raro e significativo: una popolazione in ripresa che potrebbe cambiare le sorti di una delle creature più rare del mondo. Dopo anni passati sull’orlo dell’estinzione, questi pesci hanno dimostrato negli ultimi mesi un grande esempio di resilienza.

Un’imprevista ripresa demografica: uno dei pesci più rari al mondo si allontana dall’estinzione

Nel Parco Nazionale della Death Valley, gli scienziati hanno recentemente registrato un aumento significativo del numero di esemplari di Cyprinodon diabolis, comunemente noto come il pesce diavolo di Devils Hole. Durante il conteggio primaverile annuale, i biologi hanno contato 191 individui, il numero più alto osservato negli ultimi 25 anni. Questo dato è particolarmente notevole considerando che, fino al 2013, il numero di questi pesci aveva raggiunto un minimo storico di soli 35 esemplari.

record di nascite per il pesce più raro del mondo
L’habitat del pesce diavolo è estremo, con temperature elevate e scarse risorse alimentari (Foto YouTube Insider Tech) Cellulari.it

La situazione di questi pesci è unica per diverse ragioni. Prima di tutto, il loro habitat è il più piccolo noto per qualsiasi specie di vertebrato sulla Terra: una piattaforma poco profonda di pochi metri di ampiezza all’ingresso di una caverna profonda oltre 150 metri. Inoltre, l’ambiente estremo in cui vivono presenta temperature dell’acqua costantemente alte (circa 33° gradi) e scarse risorse alimentari, oltre a livelli di ossigeno che sarebbero letali per la maggior parte delle altre specie di pesci.

Nonostante queste condizioni avverse, il pesce diavolo di Devils Hole ha finalmente invertito la tendenza che sembrava averlo destinato all’estinzione. Secondo gli esperti, uno degli eventi che potrebbe aver contribuito alla loro ripresa è stato l’uragano Hilary del 2023, che ha portato circa cinque centimetri di pioggia nella regione, arricchendo l’acqua di nutrienti vitali per l’ecosistema del pesce.

Oltre ai fattori naturali, gli sforzi umani per monitorare e proteggere questa specie hanno giocato un ruolo cruciale. I biologi utilizzano tecniche di immersione SCUBA per contare i pesci e studiare il loro habitat, mentre le agenzie di gestione stanno esplorando nuovi metodi di ricerca, impossibili da mettere in atto quando la popolazione era troppo vulnerabile per sopportare qualsiasi disturbo.

Impostazioni privacy