Dramma Apple: spunta la tragedia per gli appassionati

Apri, cerca. Ottieni, usa. Più o meno sui vari app store, di qualunque piattaforma metta a disposizione delle applicazioni per smartphone o tablet, funziona così. Ogni tanto, prima di “ottieni”, o subito dopo, c’è un “paga”, che ci può stare dal momento che alcune applicazioni ti danno così tanto che una piccola contropartita in denaro puoi anche darla.

App Store iOS - Cellulari.it 20220925
App Store iOS – Cellulari.it

I due macrosistemi più noti e popolari sono ovviamente iOS e Android, che rispettivamente possono contare su App Store e Play Store, dove ci sono milioni di app che gli utenti possono scaricare a loro piacimento per le più disparate funzioni. Ma (perché c’è sempre un ma) la differenza tra i due “negozi virtuali” è che mentre per Play Store le app gratuite sono all’ordine del giorno, su App Store sono molte di meno. E c’è di peggio…

Se già le applicazioni sull’App Store di Apple sono poche a titolo gratuito, quelle a pagamento stanno per subire un aumento dei prezzi piuttosto sostanzioso, non solo per quanto riguarda il download dell’app ma anche per i cosiddetti “acquisti-in-app” che stanno per subire un’impennata vertiginosa.

L’aumento dei prezzi: la mappa strategica di Apple

Apple - Cellulari.it 20220925
Apple – Cellulari.it

La notizia, va detto, è a tutti gli effetti realtà: l’annuncio ufficiale c’è stato, da parte di Apple, agli sviluppatori. Quindi, via la speranza che si tratti di un fake. Tra i Paesi interessati, che vedranno aumentare i prezzi a partire dai primi di ottobre, ce ne sono di Asiatici, Sudamericani, Africani e tutti quelli che interessano l’Eurozona, con l’Italia inclusa ovviamente.

Nel particolare, i Paesi che saranno interessati da questo aumento dei prezzi saranno Cile, Egitto, Malesia, Giappone, Pakistan, Sud Corea e Vietnam per quanto riguarda Asia, Africa e Sudamerica. In Europa invece avremo un aumento dei prezzi in Polonia, Svezia, e tutti i Paesi che usano l’euro come valuta, tra cui oltre l’Italia troviamo naturalmente anche Francia, Germania, Spagna e Portogallo.

La data è segnata: il 5 ottobre. Quindi tra poco meno di due settimane. A partire dal quel mercoledì, i prezzi di App Store della Mela morsicata più famosa del mondo si impenneranno, e per acquistare le applicazioni (oltre che per effettuare acquisti in-app) ci si dovrà impegnare a utilizzare un bel po’ più di soldini.

Gi utenti si sono ovviamente domandati il motivo di tale aumento, e anche se non sono state fornite spiegazioni ufficiali, la percezione è che il tutto sia causato dal “super dollaro”, che ha reso deboli tutte le altre valute, euro incluso. Va da sé dunque che i prodotti Apple siano aumentati, e non parliamo solo di app ma anche di dispositivi.

Basti pensare alla gamma degli iPhone 14, che partono da un prezzo base di 1.029 euro per il modello più semplice, per arrivare a 1.489 euro per il 14 Pro Max versione “base”, la cui variante con più memoria arriva a 2.139 euro rendendolo l’iPhone più costoso della storia.