Cioccolato Ferrero gratis per Pasqua: attenzione all’ennesima truffa su WhatsApp

Con la Pasqua che è ormai alle porte, anche i cybercriminali stanno avendo il loro bel da fare. L’ultima truffa riguarda un presunto cesto di cioccolato Ferrero in regalo, con l’allarme che è stato lanciato dall’azienda stessa con un post su Facebook

Negli ultimi giorni, diversi utenti stanno ricevendo su WhatsApp un messaggio in merito ad una presunta iniziativa lanciata da Ferrero. In vista della Pasqua, l’azienda avrebbe deciso di regalare un cesto di cioccolata gratis agli utenti che compilano un determinato form coi propri dati.

truffa ferrero 20220415 cellulari.it
Aumentano le segnalazioni in merito ad una pericolosa truffa che sta facendo il giro di WhatsApp ed è legata ad una presunta iniziativa di Ferrero (Adobe Stock)

Si tratta chiaramente di una truffa, che però sta facendo il giro del web e ha già colpito diverse vittime. A conferma della “viralità” raggiunta dalla catena ci ha pensato Ferrero stessa, che ha pubblicato un post su Facebook per avvisare tutti i suoi seguaci di quello che sta accadendo.

Truffa della cioccolata Ferrero, cosa sta succedendo

Ormai qualche giorno fa, è stata Ferrero stessa a pubblicare un post su Facebook per avvertire gli utenti in merito ad una truffa che sta facendo il giro su WhatsApp. “Ci è stato segnalato che sta circolando un messaggio con il quale si promuove un finto concorso in occasione della Pasqua, con possibilità di ricevere campioni gratuiti di nostri prodotti per coloro che risponderanno al questionario fornendo alcuni dati personali” si legge, e poi continua: “Desideriamo informarvi che tale pagina web non è gestita da Ferrero e che siamo totalmente estranei a questa iniziativa potenzialmente lesiva, non solo della nostra reputazione, ma anche dei dati personali di coloro che vi accederanno“.

Se dunque anche voi doveste ricevere un messaggio in merito alla presunta iniziativa, non cliccateci per nessun motivo. La buona notizia è che, per far partire il meccanismo di truffa vero e proprio, bisogna inserire i propri dati della carta di credito. Rispondendo al semplice questionario, i cybercriminali non avranno informazioni sufficienti per rubare soldi e informazioni sensibili. Si sta lavorando per cercare di fermare il prima possibile l’intera campagna di phishing.