La cache di Whatsapp va sempre svuotata: il motivo è importante

Gli utenti periodicamente dovrebbero svuotare la propria cache di Whatsapp ed il motivo alla base è molto importante

Whatsapp è l’app di messaggistica più in voga degli ultimi anni e, nonostante la crisi degli ultimi mesi, rimane leader nel settore e gli sviluppatori stanno per aggiungere nuove funzionalità come quella delle notifiche push interne per eventuali comunicazioni.

Spesso però accade che l’app non funzioni correttamente, che non arrivino addirittura le notifiche di messaggi o chiamate. Ci sono alcuni passaggi da fare periodicamente affinché l’applicazione funzioni correttamente sullo smartphone. Uno di questi è quello di svuotare la cache.

POTRBBE INTERESSARTI-> Criptovalute su Mastercard, rivoluzione per i pagamenti

Whatsapp, come svuotare la cache

Whatsapp
Whatsapp

Molte volte, a seguito di un aggiornamento, alcune impostazioni non funzionano al meglio e potresti non ricevere messaggi per alcune ore. Per tale motivo, si consiglia di andare nelle impostazioni per eliminarlo. Inoltre, la cache raccoglie ed accumula contenuto spazzatura che è bene eliminare di tanto in tanto. Altro motivo alla base dell’eliminazione della cache, è quello di ottimizzare lo spazio presente sulla memoria del sistema anche se in piccolissima parte.

POTREBBE INTERESSARTI-> Apple, ritorno al passato con un nuovo brevetto?

Per svuotare la cache di Whatsapp bisogna entrare nelle impostazioni di sistema dello smartphone e selezionare la voce “Applicazioni”. Una volta fatto, bisogna scorrere nell’elenco e cliccare su Whatsapp. E’ lì che troverete l’opzione “svuota cache”. Una volta eseguita questa procedura, vi consigliamo di riavviare lo smartphone.

Intanto, vi consigliamo di non fornire eventuali codici od informazioni personali a presunti vostri contatti che ve le chiedono all’improvviso con una scusa improvvisata. Si tratta della  truffe del “codice a 6 cifre” che sta spopolando in Italia nelle ultime settimane e che ha l’obiettivo di rubare il vostro profilo. Qualora vi fosse capitato, dovrete contattare la Polizia Postale per denunciare l’accaduto.