Apple Podcast, rimandato il lancio del servizio: ecco la nuova data

Poche ore fa, Apple ha annunciato ufficialmente di aver rimandato il lancio del servizio in abbonamento dedicato ai podcast. Ecco la nuova data

apple podcast
Rinviato ufficialmente il rilascio di Apple Podcast (screenshot)

L’ultimo anno ha visto l’esplosione definitiva dei podcast. Fenomeno in costante crescita, sta registrando numeri da capogiro sia su YouTube che sulle principali piattaforme di streaming. Basti pensare a Spotify, che ha deciso di creare una sezione ad hoc con classifiche aggiornate, nuove proposte, consigli e molto altro.

Anche Apple ha osservato a lungo questo nuovo trend, comprendendo sin da subito la potenzialità del format tutto parlato che tanto piace agli utenti online. È proprio per questo motivo che è stato da tempo annunciato il lancio degli abbonamenti Podcast, che porteranno a vantaggi immediati tanto per chi si iscrive quanto per i creator. Atteso in queste settimane, il colosso di Cupertino ha annunciato lo slittamento del lancio del servizio.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Google punta sull’e-commerce: la strategia per dominare il mercato

Apple Podcast slitta a giugno: rimandato il lancio del servizio

apple podcast
Il servizio in abbonamento verrà lanciato nel corso del mese di giugno, con vantaggi esclusivi per abbonati e creator (Adobe Stock)

Bisognerà attendere fino al prossimo giugno prima di poter usufruire di tutti i vantaggi compresi nell’abbonamento Podcast di Apple. Annunciato lo scorso aprile, porterà a vantaggi immediati sia per gli ascoltatori che per i creator. Sarà possibile vendere l’accesso ai programmi, rilasciare contenuti esclusivi, programmare senza pubblicità e molto altro. Al tempo stesso, i podcaster potranno offrire dei “campioni gratuiti” e impostare prezzi dell’abbonamento personalizzati e con cadenza a scelta.

FORSE TI INTERESSA ANCHE >>> iPhone 13, Apple punta tutto sulle fotocamere: una novità per tutti i modelli

La comunicazione è arrivata via e-mail ai produttori di podcast. Apple non ha parlato di problemi specifici nello sviluppo del servizio, quanto di un lavoro che continua per: “Offrire la miglior esperienza per i creator e gli ascoltatori“. Pare che gli sviluppatori si stiano concentrando in queste battute finali sulla Libreria del programma, per offrire un’interfaccia più intuitiva e facilmente utilizzabile dagli abbonati.

Ricordiamo che la novità sarà disponibile in oltre 170 Paesi – Italia compresa – e offrirà la possibilità di acquistare abbonamenti a pagamento per ogni singolo canale. I costi e la cadenza del pagamento verranno decisi dai creator stessi, per un’esperienza mai così completa e ricca di funzionalità aggiuntive ed esclusive.