Amazon, la truffa che ha colpito migliaia di italiani: vi rubano i soldi | Diffidate assolutamente

Occhio ai numerosi gruppi su Telegram che vi propongono buoni Amazon gratuitamente. Spesso si tratta di pericolose truffe che potrebbero portare a conseguenze ben più gravi del previsto

Nel corso degli ultimi anni, sono emersi in rete diversi gruppi dedicati ai buoni Amazon in regalo. In particolare su Telegram, piattaforma di messaggistica da sempre conosciuta proprio per la creazione di gruppi pensati ad hoc per motivi come questo. Bisogna però stare molto attenti, soprattutto in un periodo così delicato – fronte cybersicurezza – come quello che stiamo vivendo.

truffa amazon 20220807 cellulari.it
Occhio all’ultima pericolosa truffa che sta girando su Telegram e che riguarda buoni per Amazon (Unsplash)

Stando a quanto riportato da YourLifeUpdate, infatti, ci sono diverse chat di gruppo che puntano al furto di soldi tramite presunti buoni utilizzabili sia su Amazon che su Zalando. A prezzi incredibilmente bassi. Il consiglio è di stare molto attenti per non incappare in tranelli messi in piedi da malintenzionati, che potrebbero portare a conseguenze ben più gravi.

Gruppi Telegram per buoni Amazon, occhio alle tante truffe

truffa amazon 20220807 cellulari.it
Ecco tutto quello che c’è da sapere a tal proposito, con rischi immediati per gli utenti (Adobe Stock)

In realtà si tratta di una pratica ancora non troppo conosciuta, ma che sta prendendo sempre più piede. Ci sono su Telegram decine di gruppi che propongono buoni Amazon e Zalando a prezzi bassissimi. Ci sono anche dei veri e propri listini prezzo, per portarsi a casa sconti pazzeschi. Eccone un esempio:

  • 25€ per un buono da 50€
  • 50€ per un buono da 100€
  • 60€ per un buono da 200€
  • 85€ per un buono da 500€
  • 90€ per un buono da 700€
  • 100€ per un buono da 1000€

Come potete vedere, l’idea è quella di pagare anche un decimo del totale e poi riversare il tutto sul proprio account Amazon per risparmiare centinaia di euro. E ogni giorno spuntano nuovi buoni, all’apparenza sempre più comodi e convenienti. Ma in realtà si tratta di truffe. I malintenzionati che aprono canali pubblici, pubblicano recensioni false di altri utenti che hanno acquistato. Così da sembrare fidati. Arrivati al pagamento, bisogna iniziare dalla chat privata, dove rispondono BOT per restare anonimi e cancellare le chat. I metodi sono PayPal, carta di credito o PostePay. Tutti metodi non rimborsabili. Inutile dire che alla fine non arriva alcun buono. Il consiglio è quello di diffidare sempre da gruppi così convenienti (all’apparenza) su Telegram, perché spesso poi si finisce per regalare soldi a sconosciuti che spariscono una volta aver ricevuto il denaro, lasciandovi con un nulla di fatto in mano.