Perseguitata sui social e non solo, lo sfogo di Madalina Ghenea

Madalina Ghenea continua ad essere perseguitata sui social network e non solo. Ecco la situazione e la sua rabbia per quanto accade. 

Madalina Ghenea
Madalina Ghenea perseguitata sui social (screenshot via Instagram)

Purtroppo i social network stanno diventando sempre più un posto molto pericoloso, dove tante persone si radunano per fare del male e per colpire gli altri. Difficile capire esattamente il perché: gelosia, complesso di inferiorità, profonda ignoranza, tanto tempo libero. Purtroppo però sono sempre di più le persone che vengono prese di mira attraverso i social, molto spesso donne di successo che cercano di ritagliarsi un proprio posto nel mondo. Come la giovane modella Madalina Ghenea, della quale si è parlato molto ultimamente per una potenziale storia d’amore con il fuoriclasse della Roma Nicolò Zaniolo, già ufficialmente smentita. La donna, purtroppo, da anni è vittima di coloro che la perseguitano e la torturano.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Mobile World Congress, massime precauzioni per i 50mila partecipanti

Madalina Ghenea perseguitata online e fisicamente: la denuncia

In un comunicato ufficiale pubblicato dal suo ufficio stampa, Madalina Ghenea ha fatto sapere che sono addirittura sette anni che viene perseguitata da sconosciuti. Potrebbero essere più di uno, ma probabilmente, si legge, è una singola persona, disturbata. Questa persona ogni giorno crea profili fake per fomentare l’odio verso la sua persona, per attaccare amici e parenti e per spargere fake news che la riguardano. Come non fosse abbastanza, nella giornata di ieri, si legge nel comunicato, hanno anche fatto irruzione nella sua abitazione, a Roma, senza però rubare nulla. A conferma che quello che si sta facendo è frutto soltanto di un immotivato e sconsiderato odio verso la modella nata a Sladina, Romania, il 7 maggio 1987.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Iliad punta i suoi ex clienti con l’offerta Flash 100 5G

E’ stato comunicato che anche quanto appena accaduto, insieme ad altre prove raccolte dai suoi avvocati, saranno presentati come ulteriore materiale probatorio per continuare la ricerca di giustizia e di una severa punizione per coloro o colui che stanno rendendo la vita della ragazza impossibile. Il fatto che tutto questo sia avvenuto l’indomani della Festa della Donna certamente non fa che rendere la cosa più triste.