Cellulari.it

Apple iCloud, chiamate salvate online ma Apple rassicura utenti

Apple iCloud, chiamate salvate online ma Apple rassicura utenti

I problemi di privacy collegati ai dispositivi elettronici continuano a creare non pochi problemi per via di una mancata regolamentazione internazionale che permette alle diverse aziende di gestire i dati come meglio credono.

I problemi di privacy collegati ai dispositivi elettronici continuano a creare non pochi problemi per via di una mancata regolamentazione internazionale che permette alle diverse aziende di gestire i dati come meglio credono.

Alla serie infinita di scoperte negative su questo fronte, si aggiunge il caso di Apple che secondo quanto analizzato da Elcomsoft, registra su Cloud i log delle chiamate ricevute ed effettuate. Si tratta della classica lista di nominativi di persone che ci hanno chiamato o che noi abbiamo chiamato.

Apple da parte sua rassicura gli utenti spiegando che questi dati sono salvati unicamente per questioni legate alla sincronizzazione dei dispositivi ovvero per gestire tutte quelle funzioni che permettono di iniziare una operazione sullo smartphone e continuarla altrove. Nello specifico, il salvataggio su Cloud permette agli utenti Apple di visualizzare le chiamate effettuate e ricevute da diversi dispositivi cosi come gestire in diverse modalità rubrica e creazione dei nuovi contatti.

Il salvataggio di questi dati avviene quindi unicamente per garantire determinati servizi agli utenti e i log in questione non sono accessibili agli utenti. L'unico modo per bloccare questa condivisione dati è disattivare iCloud, funzione che però va a compromettere alcune funzionalità come Handoff.

Apple ha inoltre sottolineato che tutti i dati gestiti da iPhone sono crittografati e la sicurezza iCloud richiede l'accesso tramite Apple ID e password. Ad oggi il sistema iCloud non è mai stato bucato tuttavia restano i classici problemi dovuti alla scelta di password semplici, facilmente riconducibili all'utente come date di nascita e similari cosi come la brutta abitudine di utilizzare le stesse password nei diversi servizi.

Leggi anche : Come creare una password sicura.


Precedente HP e Microsoft stanno realizzando un nuovo smartphone con Windows 10
Successivo Apple: Riparazione Touch Disease di iPhone 6 Plus a pagamento