Cellulari.it

Google raddoppia energia rinnovabile dei propri datacenter portando a 2 Gw

Google raddoppia energia rinnovabile dei propri datacenter portando a 2 Gw

Continua a crescere progetto ecoenergy di Google che ha incrementato ulteriormente la quota di energia pulita generata per alimentare i propri datacenter, raggiungendo il traguardo dei 2 Gigawatt di potenza.

Continua a crescere progetto ecoenergy di Google che ha incrementato ulteriormente la quota di energia pulita generata per alimentare i propri datacenter, raggiungendo il traguardo dei 2 Gigawatt di potenza.

Con un contratto mega galattico, Google ha potenziato la propria produzione green aggiungendo ulteriori 845 Megawatt di potenza, ampliando alcuni siti produttivi situati negli Stati Uniti, Cile e Svezia.

Gli impianti americani e quello in Svezia utilizza energia eolica mentre l'impianto cileno si basa su energia solare a concentrazione e fotovoltaica.

Gli 845 MW di potenza saranno cosi suddivisi:

- 61 MW di potenza aggiuntiva presso l'impianto solare negli Stati Uniti gestito da Duke Energy;
- 200 MW per gli impianti gestiti da Res Americas e EDF, entrambi eolici;
- 225 MW di potenza aggiuntiva per l'impianto eolico gestito da Invenergy;
- 80 MW di potenza per l'impianto in Cile di Acciona Energia;
- 76 MW di potenza in Svezia con impianto gestito da Eolus Vind.

Questo nuovo step verso l'obiettivo 100% Green equivale ad una riduzione di Co2 pari a quella prodotta da 1 milione di automobili.

In termini di incidenza, Google passa dal 37% di energia green al 60%. Resteranno cosi da completare circa 2 GW di potenza tra il 2015 e il 2025. Tenuto conto della crescita dei consumi dei datacenter per i prossimi anni, Google potrebbe centrare il suo ambizioso obiettivo con qualche anno di anticipo.

I 2 GW di potenza sono generati per lo più sfruttando l'energia eolica in quanto ha un rapporto produzione - investimento molto elevato rispetto al fotovoltaico.


Precedente YouTube: 10 mila visualizzazioni e rispetto delle regole per iniziare a guadagnare
Successivo Amazon Underground attivo in Italia con 1000 app Android gratuite