Cellulari.it

Nokia: Dopo acquisizione Alcatel Lucent, potrebbe tornare nella Telefonia Mobile

Nokia: Dopo acquisizione Alcatel Lucent, potrebbe tornare nella Telefonia Mobile

Dopo la cessione a Microsoft, Nokia potrebbe tornare a progettare cellulari a partire dal 2016.

Secondo quanto riferito da Rajeev Suri, nuovo CEO di Nokia a capo della società finlandese dopo lo spin off con Microsoft, Nokia potrebbe tornare nel settore per sviluppare tecnologie Mobile.

Attenzione: niente cellulari o smartphone a marchio Nokia, ma tecnologie Mobile da fornire ai produttori.

Dalle informazioni disponibili, infatti, sembrerebbe che Nokia stia cercando un partner che possa seguire sviluppo e vendita dei device, mentre la società finlandese resterebbe operativa sul lato tecnologico.

La cessione a Microsoft aveva reso inutilizzabile il brand Nokia collegato a cellulari con embargo fino al 2016.

Dopo tale data, Nokia potrebbe nuovamente tornare sul mercato, come licenziataria del marchio.

Da quello che si può intuire, Nokia vorrebbe evitare un nuovo bagno di sangue nel segmento hardware, dove la società ha subito molti colpi negativi, dovuti a scelte molto discutibili come quella, assurda, di tentare di restare con Symbian e poi con il fantomatico Meego, entrambi inabissati nella storia.

La scelta di non abbracciare Android, come invece hanno fatto Samsung, Lg, Htc e Motorola tra gli storici concorrenti, ha deposto Nokia al ruolo di comparsa marginale.

Il tentativo di rilanciarsi puntando su Windows Phone OS non ha dato i risultati sperati, anche per via di un sistema operativo poco gradito agli utenti e con vendite modeste rispetto ad Android o iOS.

La fine di Nokia segue in parte la storia di Palm, collassata con il fallimento di webOS e Palm OS, anch'essa incapace di rendersi conto di quanto il proprio sistema operativo non fosse competitivo.

L'acquisizione recente del gruppo Alcatel Lucent per circa 16 miliardi di dollari, sfruttando una parte del tesoro fornito da Microsoft, ha portato in casa Nokia oltre 10 mila brevetti.

Resta ancora da capire che fine farà l'altro segmento ancora in mano a Nokia, ovvero quello collegato a Nokia Maps.


Precedente Samsung Galaxy S6: Un bug nella tastiera SwiftKey
Successivo Da quest'anno il numero di telefoni cellulari supera quello degli esseri umani