Cellulari.it

LTE Advanced, evoluzione 4G e 5G

LTE Advanced, evoluzione 4G e 5G

Sebbene il 4G LTE sia ancora una realtà ancora neonata, i protagonisti dell'universo ICT sono all'opera con il 5G, una tecnologia che caratterizzerà il nostro futuro.

Sebbene il 4G LTE sia ancora una realtà ancora neonata, i protagonisti dell'universo ICT sono all'opera con il 5G, una tecnologia che caratterizzerà il nostro futuro.

La nuova tecnologia, che è un'evoluzione del 4G LTE, sarà lanciata verso il 2020 per andare incontro ai bisogni in continua crescita delle aziende e degli utenti finali per quanto riguarda la connettività.

Rispetto alla transizione dalle tecnologie 3G UMT S a quelle 4G LTE, in cui ci si era concentrati più che altro ad allargare la banda disponibile, nella prossima fase di transizione la maggiore disponibilità di banda farà posto ad una nuova generazione di servizi che dovrà rispondere a molte altre esigenze che creeranno una differenziazione nel mercato del futuro, come ad esempio la richiesta di video streaming ad alta definizione in mobilità e anche all'interno delle abitazioni, oppure l'evoluzione dei dispositivi indossabili e dell'Internet delle cose (Internet of Things), o ancora le possibilità che ci sono nel controllo remoto delle macchine industriali, o dei droni.

Ci sarà uno sviluppo graduale di tecnologie che prende il nome di LTE Advanced e che si baserà su nuovi significati, come ad esempio:

La Carrier Aggregation (CA): per ampliare le prestazioni di picco

MIMO (Multiple Input Multiple Output): sistemi multiantenna per migliorare le prestazioni di picco

Le antenne attive: per aumentare, a parità di banda, la capacità di frequenza utilizzata e rendere al minimo le interferenze

La tecnica COMP (Coordinated Multi Point): per migliorare le prestazioni a bordo cella

La tecnica eICIC (Enhanced Inter-Cell Interference Coordination): per ridurre l'interferenza con reti differenziate

L'evoluzione verso SON (Self Organization Network)

Le funzionalità offerte da LTE Advanced permettono di migliorare le prestazioni di picco del mobile ultrabroadband, che focalizzeranno l'attenzione dei produttori su aspetti che vanno al di là della sola pura velocità della connessione, ad esempio prendendo in considerazione tra gli elementi fondamentali l'efficienza della stessa.

L'azienda produttrice Huawei sostiene che alla base delle nuove tecnologie ci sarà la richiesta di nuovi servizi e di nuove esperienze da parte degli utilizzatori, che l'azienda chiama ROADS, sigla che parla di futuri nuovi concetti che saranno connessi al dare soluzioni in Real Time, ai servizi On Demand, forniti ad utenti che effettueranno operazioni All Online e che non potranno fare a meno dei Social, che saranno le piattaforme in cui normalmente ci si informa e dove ci si rapporterà con altri utenti.


Precedente Google investe 25 milioni per digitalizzare un milione di europei
Successivo Huawei TalkBand B2, Talkband N1 e Huawei Watch