Cellulari.it

Dopo Samsung anche Apple nei guai per questioni di memoria

Dopo Samsung anche Apple nei guai per questioni di memoria

Dopo la sanzione inflitta in Italia a Samsung, per dati fuorvianti relativi alla memoria disponibile, negli Usa è partita una causa analoga contro Apple.

Dopo la sanzione inflitta in Italia a Samsung, per dati fuorvianti relativi alla memoria disponibile, negli Usa è partita una causa analoga contro Apple.

La class action americana rischia di costare ben di più ad Apple rispetto ai pochi spiccioli inflitti a Samsung dall'AGCom italiana.

Il punto di crisi americano ha le stesse motivazioni di quello italiano.

Sotto accusa, le dichiarazioni ritenute fuorvianti sulla memoria effettivamente a disposizione degli utenti.

Per fare un paragone, su iPhone 6 con 16 GB di memoria interna, la memoria realmente a disposizione degli utenti sarebbe solamente di 13 GB, in quanto i restanti 3 sono già occupati dal sistema operativo iOS 8.

L'indicazione nominale di memoria è da sempre una prassi nel mondo dell'elettronica.

Qualunque dispositivo, infatti, è soggetto ad una differenza tra memoria nominale, quella dichiarata, e memoria effettiva, ovvero quella disponibile la netto del sistema operativo.

Se nel mondo dei Pc e dei Notebook la differenza sarebbe marginale, considerando che ormai si vendono computer con 1,2 Terabyte di hard disk, pari a circa 1200 GB, e i 2-3 utilizzati dal sistema operativo non cambiano di fatto nulla (avere 1200 GB o 1197 GB disponibili non fa differenza), nel mondo degli smartphone la questione cambia.

Esistono modelli che, a fronte di 2-3 GB di memoria installata, effettivamente ne rendono utilizzabile una minima parte, anche sotto i 500 Mb.

Molti device supportano memorie esterne e quindi è possibile utilizzare alternative pratiche, cosa non possibile con i device Apple che non supportano memoria esterne.



Precedente Xiaomi presenta nuovo Xiaomi Redmi 1S Dual LTE
Successivo Samsung Galaxy S5, Lg G3, Htc One, ecco i prezzi dei top di gamma a Gennaio 2015