Cellulari.it

BlackBerry, nuovo crollo per il secondo trimestre: 4500 licenziamenti in vista

BlackBerry chiuderà il secondo trimestre del 2013 con una perdita di oltre 950 milioni dollari. I ricavi sono ben al di sotto delle aspettative e si fermano a 1,6 miliardi di dollari.

 
Dopo le indiscrezioni del Wall Street Journal di cui vi abbiamo parlato un paio di giorni fa, arrivano in queste ore le conferme ufficiali: BlackBerry chiuderà il secondo trimestre del 2013 con una perdita di oltre 950 milioni dollari. I ricavi sono ben al di sotto delle aspettative e si fermano a 1,6 miliardi di dollari. L'annuncio dei dati, come ci informa un'Ansa di ieri notte, ha causato l'affondamento del titolo BlackBerry in borsa, fino addirittura al 22% (per poi chiudere a -17%)
 
Una situazione molto critica per il gruppo canadese, che si appresta ora ad un consistente taglio del personale, come previsto: 4500 posti salteranno, pari a quasi un terzo del totale dei dipendenti dell'azienda a livello globale. Quale sarà il futuro di BlackBerry, quindi? Le notizie su una probabile acquisizione da parte di qualche colosso del settore si rincorrono già da tempo ma la continua perdita di terreno da parte di RIM potrebbe rendere più difficile tale possibilità. 
 
Ricordiamo che recentemente Windows Phone è riuscito a scavalcare la piattaforma BlackBerry OS al terzo posto della classifica globale dei sistemi operativi mobili. Vedremo se nei prossimi mesi cambierà qualcosa e se l'ultimo smartphone arrivato, il BlackBerry Z30, riuscirà a risollevare le sorti del gruppo. 


Precedente Windows Phone, il sistema operativo meno amato dagli americani
Successivo Tim Cook su Android: la frammentazione lo rende obsoleto