Cellulari.it

BlackBerry Z30: focus sulle caratteristiche e video. Autonomia di 25 ore in utilizzo

Come i rumors ci avevano anticipato più volte in questi mesi e come abbiamo visto un paio di giorni fa, anche Research In Motion si lancia sul mercato dei phablet, con lo Z30.

Come i rumors ci avevano anticipato più volte in questi mesi e come abbiamo visto proprio ieri, anche Research In Motion si lancia sul mercato dei phablet, un settore che ormai coincide con la quasi totalità degli smartphone top di gamma attualmente in commercio: ecco, quindi, il nuovo BlackBerry Z30, molto simile nel design allo Z10 ma dalle dimensioni extra large
 
Lo Z30, infatti, è dotato di uno schermo Super AMOLED da 5 pollici con una risoluzione HD (1280 x 720 pixel). Supporta l'LTE, il Wi-fi, le connettività Bluetooth, USB, NFC e GPS/A-GPS. Due le fotocamere integrate: una posteriore da 8 Megapixel, con autofocus, LED flash e videorecording in Full HD (1080p), e una anteriore da 2 Megapixel (con supporto video HD). 
 
La memoria interna è di 16 GB, espandibile di ulteriori 64 GB attraverso lo slot per microSD, mentre la RAM si attesta a 2 GB. Il processore è un Qualcomm Snapdragon dual core a 1,7 Ghz di frequenza e la batteria è da 2880 mAh. Se l'autonomia annunciata fosse confermata effettivamente dai fatti, ci troveremo di fronte ad uno degli smartphone più performanti in assoluto: si parla, infatti, di una durata di ben 25 ore con un uso misto del terminale.  Il sistema operativo è una versione aggiornata di BB10, la release 10.2, che apporta diverse novità in termini di features e vari miglioramenti sulla stabilità. 
 
Per ora il BlackBerry Z30 non ha un prezzo ufficiale ma è chiaro che se la società vorrà competere ancora sul mercato dovrà sorprendere proprio su questo aspetto. Il lancio potrebbe avvenire già dal mese prossimo. Qui in basso potrete vedere il video ufficiale del phablet di casa RIM, postata sul canale ufficiale della società canadese.  

 


Precedente BlackBerry: taglio del 40 per cento dei dipendenti entro la fine dell'anno, secondo WSJ
Successivo Windows Phone: ottimi risultati in Nuova Zelanda