Cellulari.it

Google Reader chiude dal primo luglio

Il motore di ricerca Google ha annunciato che, a partire dal 1° luglio 2013, il servizio Google Reader chiuderà. Il sistema di gestione e lettura di notizie e feed RSS, quindi, non potrà più essere utilizzato e gli utenti dov



Oltre a Google Reader, inoltre, si dirà addio anche a Google Voice App per i dispositivi BlackBerry (chiusura già annunciata da mesi), App Script, Google Cloud Connect, Google Building Maker, Snapseed Desktop (sia la versione Windows che quella per Mac OS X, mentre sarà disponibile ancora la versione per piattaforme mobili), CalDAV e Search API per Shipping.

 

Per evitare di perdere tutti i dati all'interno del servizio, Google mette a disposizione Takeout, dove potranno essere salvati in attesa di scegliere una nuova destinazione. Intanto gli utenti, soprattutto tramite social network e forum, non nascondono il loro malcontento e aprono addirittura delle petizioni per chiedere a gran voce a Big G di cambiare idea.

 

La società tornerà indietro? E' improbabile, ma questo non è certo un problema: la rete offre una serie di software e servizi molto validi che consentiranno di sostituire Reader in maniera egregia ed efficace.  Tra le più note segnaliamo Feedly, Netvibes e NewsBlur


Oltre a Google Reader, inoltre, si dirà addio anche a Google Voice App per i dispositivi BlackBerry (chiusura già annunciata da mesi), App Script, Google Cloud Connect, Google Building Maker, Snapseed Desktop (sia la versione Windows che quella per Mac OS X, mentre sarà disponibile ancora la versione per piattaforme mobili), CalDAV e Search API per Shipping.

 

Per evitare di perdere tutti i dati all'interno del servizio, Google mette a disposizione Takeout, dove potranno essere salvati in attesa di scegliere una nuova destinazione. Intanto gli utenti, soprattutto tramite social network e forum, non nascondono il loro malcontento e aprono addirittura delle petizioni per chiedere a gran voce a Big G di cambiare idea.

 

La società tornerà indietro? E' improbabile, ma questo non è certo un problema: la rete offre una serie di software e servizi molto validi che consentiranno di sostituire Reader in maniera egregia ed efficace.  Tra le più note segnaliamo Feedly, Netvibes e NewsBlur



Precedente Vodafone lancia 2 promozioni Internet dedicate alla Festa del Papà
Successivo PosteMobile regala 3 mesi di abbonamento a La Repubblica digitale