Cellulari.it

Problemi iOS 8: dai rallentamenti sull'iPhone 4S alla richiesta esagerata di spazio libero

Proprio ieri abbiamo visto da vicino il nuovo aggiornamento iOS 8 per i dispositivi Apple e tutte le novità apportate sulla piattaforma mobile della Mela morsicata.


Proprio ieri abbiamo visto da vicino il nuovo aggiornamento iOS 8 per i dispositivi Apple e tutte le novità apportate sulla piattaforma mobile della Mela morsicata. Abbiamo anche accennato al fatto che alcuni portali ed esperti di settore hanno sconsigliato l'installazione dell'upgrade sull'iPhone 4S, il più vecchio smartphone supportato per questo aggiornamento. 
 
Ma la situazione si sta facendo più complicata per il colosso di Cupertino: oltre ai presunti problemi sui rallentamenti e il calo di prestazioni dell'iPhone 4S (usiamo la parola “presunti” poiché molti utenti hanno smentito una situazione così grave), infatti, una grossa fetta di possessori di iPhone e iPad si sono visti impossibilitati a installare il nuovo sistema operativo iOS 8 a causa dell'enorme richiesta di spazio libero, ben 5,8 GB
 
Spazio, questo, che viene ovviamente ridimensionato non appena il sistema sarà effettivamente aggiornato. Ciò non toglie il fatto, però, che per cominciare ad installare iOS 8 si è costretti a dover far pulizia tra applicazioni e dati personali. Una soluzione sarebbe quella di creare un backup e ripristinare l'iDevice tramite iTunes e, una volta installato iOS 8, riversare tutti i dati tramite il backup stesso. 
 
Altro problema legato ad iOS 8 è l'assenza di uno dei servizi tra i più sbandierati alla presentazione del nuovo sistema, ossia HealthKit: tutte le applicazioni legate ad esso, infatti, non sono disponibili sull'App Store e, secondo quanto dichiarato dalla stessa Apple, si tratterebbe di un bug che verrà risolto con un mini update entro la fine del mese. Non appena vi saranno novità sulla disponibilità della patch vi terremo aggiornati. 


Precedente BlackBerry Porsche Design P9983, smartphone di lusso con BB10.3
Successivo iPhone 6 arriva nei primi paesi: file in Giappone, Stati Uniti e Europa