Cellulari.it

Apple cambia App Store: Annunci sponsorizzati per le app e maggiori storni agli sviluppatori

Apple cambia App Store: Annunci sponsorizzati per le app e maggiori storni agli sviluppatori

Come vi avevamo riportato diverso tempo fa, Apple ha deciso di rimettere mano alle logiche del proprio App Store, aprendo la strada alle sponsorizzazioni delle app. Un sistema che consentirebbe agli sviluppatori di promuovere le proprie applicazioni

Come vi avevamo riportato diverso tempo fa, Apple ha deciso di rimettere mano alle logiche del proprio App Store, aprendo la strada alle sponsorizzazioni delle app. Un sistema che consentirebbe agli sviluppatori di promuovere le proprie applicazioni direttamente dentro App Store.


Le modifiche App Store riguardano principalmente 3 aspetti:

- Advertising per le app
- Maggiori revenue share per gli sviluppatori
- Maggiore velocità di approvazione

Superate le 1,5 milioni
di applicazioni e i 60 miliardi di download, Apple ha deciso cosi di effettuare un restilyng del proprio negozio di applicazioni, cercando di accontentare le tante richieste giuste in questi anni da parte degli sviluppatori.

Vediamo punto per punto cosa cambia


Advertising su App Store

Gli sviluppatori potranno promuovere le proprie applicazioni pagando un tot per ogni click o installazione. Un sistema per favorire strumenti di app marketing da una parte e per ridurre le sovra ottimizzazioni e tutte le tecniche borderline sviluppate negli anni per promuovere indirettamente una applicazione. La promozione dovrebbe avvenire come su Google, quindi in fase di ricerca e tramite annunci sponsorizzati (in questo caso app sponsorizzate). 

Revenue Share migliorate su App Store

Come sapete, Apple trattiene il 30% del prezzo pagato per le applicazioni mentre agli sviluppatori va il 70%. Apple ha modificato queste percentuali, lasciandole inalterate per il primo anno mentre a partire dal secondo anno di permenenza nello store, la percentual trattenuta si dimezza al 15%. Questa mossa nasce non tanto per dare più soldi agli sviluppatori, quanto per incentivarli ad adottare modelli di business su abbonamento che sarà prossimamente applicabile a tutte le categorie di applicazioni (mentre in passato era limitato per esempio a servizi audio e video, notizie o incontri). Un sistema che garantirebbe ad Apple maggiori guadagni nel tempo.

Approvazione rapida

I tempi di approvazione saranno sensibilmente ridotti anche se le modifiche apportate di recente hanno stabilito un buon servizio, visto che quasi tutte le applicazioni sono approvate entro 48 ore. Su questo aspetto non ci sono ancora dettagli ufficiali.

Il cambio di App Store riguarderà anche la grafica, anche per ospitare spazi pubblicitari.


Precedente HTC Desire 820s, phablet da 5,5 pollici con SoC MediaTek a 64 bit
Successivo Samsung Galaxy S6: indiscrezioni sulle caratteristiche tecniche