Cellulari.it

GLOW, i primi auricolari laser che pulsano insieme al battito del cuore

GLOW, i primi auricolari laser che pulsano insieme al battito del cuore

Le nuove cuffiette smart si collegheranno al proprio smartphone, creando delle vere e proprie linee di colore attorno a voi, monitorando il battito cardiaco e pulsando anche al ritmo della musica.

Siccome gli auricolari sono sempre più ricercati, le aziende produttrici ne approfittano per crearne di nuovi, sempre più accattivanti e desiderabili, oltre che funzionali. Si sta facendo strada infatti una nuova tendenza, rappresentata dai Glow di Kickstarter,i nuovi auricolari dotati di cavi in grado di accendersi come laser, per non passare inosservati ed essere guardati da tuti mentre camminate per strada o mentre siete con i vostri amici all’interno di un locale.
Queste nuove cuffiette smart si collegheranno al proprio smartphone, creando delle vere e proprie linee di colore attorno all’utente, soprattutto in ambienti poco illuminati; gli auricolari monitoreranno il battito del cuore pulsando anche al ritmo della musica, grazie ad un sensore collocato all’interno che permette il monitoraggio del battito cardiaco, rendendo l’esperienza dell’ascolto della musica molto più coinvolgente, ma non sono destinate solo agli amanti della musica, bensì anche agli sportivi per le loro caratteristiche.

Il prodotto è davvero affascinante e sorprendente sia per quanto riguarda la sua funzionalità che per il suo aspetto futuristico, con disponibilità di colori differenti, come il verde, il blu e il rosso, che sono appunti i colori primari.

Gli auricolari pulsanti non sono dei semplici auricolari colorati, perché sono costituiti di un materiale chiamato Fibrance, fibra di vetro della Corning, che permettono flessibilità e trasparenza. Tra le loro varie funzionalità citiamo i controlli a filo, composti da 5 tasti a sfioramento, gestiti da un processore ARM che si collega allo smartphone tramite connessione Bluetooth LE per lo scambio dei dati. E’ presente un piccolo controller al termine del cavo per controllare le funzionalità musicali del proprio smartphone e sarà integrato con i due assistenti vocali di iOS e Android per il controllo vocale, delle chiamate ed i messaggi di testo; inoltre si potrà scattare fotografie grazie al controllo remoto della fotocamera.

L’autonomia del device è di 8 ore, mentre la ricarica viene completata in circa 30 minuti tramite connettore micro-USB. Il collegamento audio avviene tramite connessione jack da 3.5 mm continuando anche ad autonomia ultimata. Per quanto riguarda l’audio, il team Glow si serve di armature bilanciate prodotte dalla Knowles, mentre la struttura dell’auricolare è a cura di chi lavora già per grandi aziende del settore, come Skullcandy e Sennheiser, assicurando un ascolto naturale delle alte e basse frequenze con uno spettro che copre i 20-20.000 Hz, riproducendo l’esperienza che si può avere con le Shure SE215. I piccoli padiglioni in-ear sono confortevoli al massimo, dando stabilità durante lo sport.

Il processore integrato raccoglie le informazioni che provengono dai sensori e dalla musica, permettendo oltre che di far pulsare l’illuminazione al ritmo del proprio battito cardiaco e fornendo quindi un costante monitoraggio delle vostre prestazioni, anche di far variare l’illuminazione al ritmo della musica ascoltata e dare enfasi ai movimenti del vostro corpo rilevati dall’accelerometro integrato.

Gli auricolari GLOW sono corredati da una SDK che rende il prodotto aperto all’integrazione di nuove funzioni, grazie al supporto facilitato di Google Wear.

I Glow saranno lanciati sul mercato ad un prezzo che parte da 149 dollari, pari a circa 132 euro, prezzo riservato ai finanziatori che hanno contribuito alla campagna fondi su Kickstarter.


Precedente I diamanti sintetici e il futuro della tecnologia: dalle super memorie alle medicine intelligenti
Successivo Chiamate vocali in Arrivo su WhatsApp